Chi sono

Mi chiamo Brunella Bregliano e sono nata a Sanremo (vicino al mare), ma da 20 anni abito in provincia di Torino. Molti mi chiedono come riesca a sopravvivere senza il profumo del mare; devo dire in sincerità che qualche volta ne sento un pò la mancanza, ma la mia vita e la mia famiglia si sono create e sono cresciute in Piemonte e non tornerei indietro, anche se almeno una volta al mese cerco di andare in Liguria per ricaricarmi.
Sono laureata in Biologia all’Università di Genova e per 15 anni ho lavorato come informatore scientifico per una grande azienda farmaceutica americana.
Nel tempo comunque ho sviluppato un sempre crescente interesse per tutto ciò che è naturale e quindi ho cercato di applicare questo mio sentire nella vita di tutti i giorni a partire dall’attenzione all’alimentazione (sia per quanto riguarda gli alimenti che per il modo in cui vengono coltivati, scelti, abbinati e cucinati per ottenere il massimo dell’energia e cercando di utilizzare principalmente cibi a Km zero), sia ricercando il benessere e la salute psicofisica della persona, l’attenzione ai materiali utilizzati per la casa e persino il modo in cui si muove nel mondo la mia famiglia.
Questo mi ha portato negli anni a fare una scelta di vita che fosse più vicina al mio pensiero ed al mio modo di sentire.

Per rendere concreta quest’idea mi sono iscritta, dopo un’accurata ricerca, alla Scuola di Naturopatia Simo a MIlano e mi sono diplomata con specializzazione in aromaterapia applicata ed emozionale, studiando con i massimi esperti del settore (Luca Fortuna e Vera Sganga)
Ho seguito uno stage molto approfondito di Cromopuntura con la Dott.ssa Catia Trevisani che mi permette di agire sul riequilibrio delle sindromi energetiche secondo la Medicina Cinese Tradizionale e Classica. Dopo vari corsi e studi specifici ora mi occupo di nutrizione olistica, affiancando l’alimentazione con le pratiche della naturopatia. Ricerco da sempre l’eccellenza e per questo motivo mi sono avvicinata ad una delle maggiori esperte mondiali di Micoterapia (Stefania Cazzavillan) ed ho così iniziato un nuovo percorso di studi, molto interessante e stimolante, sull’uso dei funghi medicinali cinesi come sostegno di numerose patologie quali ad esempio gastrite, ulcera, problemi ormonali, neurodegenerazione, patologie autoimmuni, rinforzo del sistema immunitario, allergie, malattie oncologiche.
Io credo molto nella sinergia tra la medicina tradizionale e quella naturale e olistica: la terapia farmacologica e la chirurgia sono essenziali e ci permettono di risolvere patologie importanti; le terapie naturali ed energetiche possono essere di supporto nei casi di patologie croniche, limitare gli effetti collaterali dei farmaci, stimolare il corpo a trovare la forza di autoguarigione. Per cui l’optimum per me sarebbe proprio la collaborazione tra questi due mondi in modo che la persona possa essere aiutata secondo una visione olistica che associa le disfunzioni del corpo con quelle di mente ed anima.
La grotta di sale rosa himalyano completa la mia visione di benessere naturale e ben si integra con i miei trattamenti.